Pubblicato in , , | 0 commenti

ARTEFATTA a mano, a impronte cosmiche e umori variabili.

ARTEFATTA ciclica come le stagioni e i flussi dei colori che contengono. Stati d’animo su materiali vari che assorbono, mutano e cambiano le destinazioni d’uso di un vecchio mattone, una porta ferita dai secoli, un grumo d’argilla del Tevere

ARTEFATTA  di opere a formato variabile e piccoli oggetti-accessori da conforto all’intricata selva dei temperamenti umani:

Sangue, primavera, aria calda e umida

Bile gialla, fuoco, caldo secco estivo

Bile nera, malinconia d’autunno, la terra, il freddo secco

Flegma d’inverno, l’acqua, la neve e il freddo umido

ARTEFATTA è un percorso intimo nell’anima sacra e profana della Toscana. Sacro e profano è l’oro, che in foglie sottili avvolge trasversalmente l’iconografia cara all’artista. Sacre sono le maternità moderne, semi-seriali eppure così vicine alle impronte di celebrati artisti toscani del passato, come Simone Martini o Piero della Francesca. Profane sono invece le donnine accartocciate: sensuali, maliziose e contorte, sono statue dal pallore notturno costrette a vivere una diurna malinconia

ARTEFATTA genera anche progetti che si discutono con il committente, come i tromp-l’oeil e le pitture su ogni tipo di supporto che hanno re-inventato spazi e significati di molte case delle nostre terre: preziose ville o semplici abitazioni con proprietari in cerca di morbide e piacevoli visioni

 

Elena Merendelli è nata ad Anghiari. Fin da piccola manifesta una passione irresistibile per il disegno e per tutte le forme d’arte. Dopo l’Istituto d’Arte, si diploma all’Accademia di belle Arti di Firenze. Attualmente vive e lavora ad Anghiari; il suo laboratorio è nel cuore del paese dove crea ed espone le sue opere, tra queste di particolare rilievo le sculture di terracotta e i dipinti su tavole antiche. Restituisce a nuova vita pezzi perduti dalla storia. Genera anche progetti, che si discutono con il committente, come tromp-l’oeil e pitture su ogni tipo di materiale. I suoi soggetti sono figure femminili, maternità, dettagli di paesaggi toscani, uccelli.

 

Piazza Baldaccio, 14
52031 Anghiari (AR)

Tel. (+39) 0575 788584